Tentato avvelenamento di Willy a Biasca

La SPAB stigmatizza il vile gesto Tentato avvelenamento di Willy a Biasca Alcuni giorni orsono, la proprietaria di Willy, un simpatico Chihuahua, lo ha lasciato uscire nel proprio giardino per i suoi bisognini quotidiani. Ad un certo punto nota che il cane fissa ed annusa intensamente un angolo del parco e retrocede velocemente. Insospettita la proprietaria si reca nell’angolo del giardino e scopre un mucchietto di mangime per cani con dei pezzetti solidi di una sostanta bianca. Fortunatamente Willy non ha ingerito il mangime e quindi si è salvato. La sostanza è stata visionata da un veterinario che sostiene verosimilmente trattarsi di un boccone avvelenato con della meta. La proprietaria ha quindi sporto denuncia penale contro ignoti. Purtroppo nella zona, da parecchi anni per gesti sconsiderati di uno o più individui hanno perso atrocemente la vita molti animali. La Società Protezione Animali di Bellinzona stigmatizza il vile gesto e invita tutti i proprietari di animali a prestare la massima attenzione ad alimenti abbandonati a fornire alla polizia movimenti sospetti. Venerdì mattina la povera bestiola è stata rubata dal giardino della proprietaria. I proprietari hanno ricevuto in seguito una telefonata anonima dove informava la proprietaria che il povero Willy era stato gettato nel contenitore degli abiti usati posto davanti alla igros di Biasca. Questo gesto dimostra ancora una volta fino a dove la crudeltà di uno o più persone possa spingersi. Fortunatamente il cane è stato recuperato e sembra non aver subito gravi lesioni, ora lo stesso scodinzola gioiosamente sotto stretta sorveglianza dai proprietari. La polizia ha aperto un fascicolo e procede alacremente ad indagini sul territorio e visionare i filmati di alcune telecamere posati nelle immediate vicinanze del cassonetto della raccolta degli abiti.