Impegnativo recupero di una capra sulle impervie pareti del Monte Generoso

Impegnativo recupero di una capra sulle impervie pareti del onte Generoso artedì pomeriggio la Società protezione animali di Bellinzona ha ricevuto la richiesta di aiuto da un contadino che da oltre 30 anni gestisce con passione un`azienda agricola proprio sulla vetta del Generoso. Purtroppo una capra ed un caprone erano rimasti bloccati su di una cengia senza più poter risalire la parete praticamente verticale. Il presidente della Spab Emanuele Besomi, vista la zona particolarmente impervia, ha subito richiesto la collaborazione di provetti alpinisti per organizzare il recupero dei due aimali. Le difficili condizioni meteo hanno costretto la Spab a rimandare il recupero dei due animali di due giorni. Quando ha finalmente potuto giungere in vetta, la squadra di soccorso composta da due esperti rocciatori, coadiuvati dagli ispettori ichele Cavallero e Bruno Zala, nonch è dal presidente Emanuele Besomi, ha dovuto dapprima allestire un importante dispositivo di sicurezza vista la zona impervia e le notevoli difficoltà che presentava il recupero. Per raggiungere la cengia dove erano bloccati capra e caprone sono stati necessari ben 150 metri di corde. Finalmente dopo oltre 4 ore di lavoro, Bianchina e Nerone, così sono state chiamati i due animali, hanno potuto essere liberati da quella scomoda posizione nella quale, senza l`intervento della Spab, avrebbero sicuramente trovato la morte. Testo: Emanuele/Stefano - Foto ichele